Home

Il Museo Archeologico Nazionale della Lomellina è un Istituto di proprietà statale destinato alla pubblica fruizione.

Inaugurato nel 1998 e ampliato nel 2006, raccoglie, all’interno di alcuni spazi molto suggestivi del Castello Sforzesco di Vigevano, le testimonianze archeologiche provenienti da scavi o recuperi occasionali nel territorio lomellino, con lo scopo di diffonderne la conoscenza e favorirne la fruizione da parte di un vasto pubblico in visita alla città e ai suoi monumenti.

Scuderia_3

Le sale del Museo ospitano sezioni relative a diverse epoche, dall'Età celtica a quella altomedievale.

La scuderia quattrocentesca, prima sala del Museo, è dedicata alle necropoli tardoceltiche e romane, che costituiscono la documentazione archeologica più significativa del territorio. All’interno dei corredi funerari, oltre al vasellame in terracotta e a strumenti e ornamenti metallici, si segnalano particolarmente i vetri, pregevoli per varietà e bellezza di forme, e la coroplastica, che, seppur meno raffinata, consente interessanti osservazioni sul rituale funerario.

Altre due sale sono dedicate rispettivamente all'Età tardoantica ed altomedievale e al territorio di Vigevano dalla Preistoria all'Età romana.

L’ultima sala è riservata alle esposizioni a rotazione. L’ampio salone adiacente alla scuderia, destinato in futuro a ospitare la sezione preistorica e protostorica, è attualmente utilizzato per mostre temporanee, conferenze o attività didattiche.

Il Museo, prima gestito dalla Soprintendenza Archeologia della Lombardia, dipende ora dal Polo Museale Regionale della Lombardia, organo periferico del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Il Museo fa parte del MUVI - Sistema Museale "Città di Vigevano".

logoMiBACTLogo Polo MusealeLogo SBALOM 2015

INAUGURAZIONE DELLA SEZIONE PREISTORICA E PROTOSTORICA DEL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DELLA LOMELLINA VIGEVANO

Vigevano Locandina

Sabato 22 settembre, alle ore 11, sarà inaugurata una nuova sezione del Museo archeologico nazionale della Lomellina nel Castello di Vigevano

Il nuovo allestimento riguarda il grande salone a lato della Scuderia ed ospita la sezione preistorica e protostorica, che completa così il percorso espositivo del museo, ora composto di quattro sale ad esposizione permanente e di una sala mostre. L’evento rientra nell’ambito delle manifestazioni promosse dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio.

Venti vetrine, corredate da pannelli informativi in italiano e inglese, da oggi ospiteranno in via permanente la parte più antica delle collezioni archeologiche, finora in gran parte custodite nei depositi. Il Museo offre così uno straordinario spaccato del popolamento antico in Lomellina, grazie ai reperti databili in età preistorica (tra il periodo Mesolitico e l’età del Rame, VI-III millennio a. C.) e in epoca protostorica (età del Bronzo, prima e seconda età del Ferro, dal III millennio al I secolo a. C.) e che si collegano alle fasi di romanizzazione del I secolo avanti Cristo, raccontate nelle vetrine già esposte nella scuderia.

L’esposizione apre con una vetrina dedicata ai manufatti preistorici (industria litica, asce e pugnali in pietra levigata e in selce). L’introduzione dei metalli è illustrata dai ripostigli di oggetti in bronzo (alcuni sono stati concessi in deposito dai Civici Musei di Pavia), tesaurizzati dai metallurghi per la rifusione. Seguono gli oggetti provenienti dagli abitati e dalle necropoli dell’età del Bronzo a dimostrazione della diffusione del popolamento del territorio: numerosi sono, infatti, i siti con testimonianze. Vasellame ceramico, decorato e non, e oggetti d’ornamento in bronzo dalle forme caratteristiche raccontano la vita quotidiana e le concezioni sull’Aldilà degli antichi abitanti. Seguono le vetrine dedicate alla prima e seconda età del Ferro, sempre articolate in abitati e necropoli, che dimostrano la penetrazione della culture di Golasecca e di La Tène e i contatti commerciali con il mondo etrusco e quindi l’incontro con la civiltà romana. La gran parte del materiale è esposta per la prima volta al pubblico; molti degli oggetti sono stati recentemente restaurati e rappresenteranno una vera sorpresa per il visitatore.

Tra gli oggetti più significativi il ripostiglio di asce in bronzo da Pieve Albignola, i grandi doli (contenitori di derrate) di Zinasco, i preziosi monili dei corredi tombali di Gambolò e Garlasco, le spade ripiegate nel loro fodero, secondo le usanze celtiche, della necropoli delle Bozzole e molto altro da scoprire.

La presentazione della nuova sezione del museo avverrà sabato mattina, alle ore 11,00 e saranno presenti il direttore del Polo Museale della Lombardia, Stefano L'Occaso, e la direttrice del Museo, Rosanina Invernizzi.

Il museo, in occasione delle Giornate del Patrimonio, sarà aperto anche la sera di sabato, dalle ore 21 alle ore 24: visita guidata alle 21.30 a cura di Rosanina Invernizzi, direttore del Museo.

 

Info:

Museo Archeologico Nazionale della Lomellina

Piazza Ducale 20 – Vigevano tel. 0381 72940

email: museoarcheologico.vigevano@beniculturali.it

 

Polo Museale Regionale della Lombardia

Palazzo Litta, Corso Magenta, 24 – 20123 Milano – tel. 02 80294401

email: pm-lom@beniculturali.it

 

 

 

Primo post sul blog

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Proin laoreet sem sit amet lacus. Aliquam bibendum tellus vitae enim. Aliquam fringilla. Aliquam erat volutpat. Vestibulum rutrum venenatis justo. Quisque mauris urna, eleifend at, suscipit id, aliquam quis, sem. Proin eget dui. Proin ultrices, erat id posuere faucibus, ligula odio eleifend nisl, non porttitor turpis tellus a lacus. Vestibulum urna pede, feugiat sed, elementum vitae, viverra eget, metus. Nunc elementum, felis quis pellentesque aliquam, dolor quam auctor nunc, vitae egestas tellus ante in risus. Etiam nisl. Quisque nec nisi at massa malesuada interdum.

Nam tortor magna, mattis sodales, imperdiet vel, convallis ac, quam. Sed quis leo sit amet magna congue ornare. Sed dignissim, ipsum a vehicula fringilla, turpis odio venenatis massa, eleifend tristique neque lectus in lorem. Nullam pulvinar massa eget augue. Ut quis ligula vel tellus venenatis facilisis. In quis mauris. Nam arcu tortor, volutpat a, molestie nec, rutrum vitae, odio. Vestibulum convallis, neque at porta sollicitudin, felis leo facilisis quam, sed tristique turpis ante et nunc. Etiam et sem. Curabitur erat augue, egestas nec, auctor a, commodo at, enim. Nunc laoreet mauris vitae nulla.

Fusce leo nisl, porta vitae, mattis ac, feugiat quis, diam. Suspendisse luctus. Phasellus eget nisl. Vestibulum ante ipsum primis in faucibus orci luctus et ultrices posuere cubilia Curae; Phasellus varius lacinia dui. Maecenas eleifend augue et quam venenatis feugiat. Aenean lectus. Maecenas pulvinar, odio nec cursus gravida, eros nisl lacinia nibh, nec porta tortor velit et ante. Suspendisse nunc. Aliquam viverra luctus erat. Suspendisse vulputate risus ac massa. Vestibulum ultrices ante ac nisl. In felis nulla, semper vel, dapibus nec, vehicula vitae, ipsum. Sed sit amet ligula. Phasellus metus ligula, blandit sed, mattis vel, faucibus pretium, velit. Nam tristique, odio ac vehicula lacinia, lacus mauris ullamcorper mauris, a hendrerit sem arcu a tortor. Ut gravida purus id metus.

Aliquam tellus libero, aliquet non, ullamcorper consequat, iaculis at, mi. Quisque placerat, dolor ut ultricies varius, enim orci fringilla dolor, sed euismod nisl pede id ipsum. Nam iaculis, elit in cursus cursus, elit velit egestas risus, tempus sollicitudin dolor enim a eros. Integer at metus. Proin eget sapien. Nulla venenatis ultricies dolor. Aenean sem risus, rutrum vel, mollis fringilla, consectetuer sed, pede. Mauris nibh pede, euismod vitae, laoreet ac, malesuada vel, est. Nulla eu lacus. In hac habitasse platea dictumst. Cras ante nunc, dignissim eu, adipiscing eget, pellentesque at, quam. Nam et nibh nec eros malesuada facilisis. Duis interdum. Pellentesque facilisis velit ac diam. Curabitur erat. Pellentesque hendrerit pharetra eros. Aliquam cursus. Donec risus mi, pellentesque id, dictum a, eleifend non, quam. Proin vitae arcu. In congue.

Maecenas fermentum. Phasellus aliquet arcu id est. Cras tortor magna, placerat eget, egestas nec, feugiat ut, nisl. Quisque a nisl. Fusce velit nunc, mattis vitae, tempus eu, laoreet id, odio. Donec lectus diam, consectetuer at, pulvinar molestie, porttitor vitae, sem. Duis hendrerit faucibus velit. Ut congue mi ac ante. Aliquam nibh. Quisque vitae diam.

RSS